Vai al contenuto

Sapete cos’è il remarketing? Qui vi diciamo TUTTO

¿Sabes lo qué es el remarketing? Aquí tienes todo el significado y usos

Il Remarketing sta diventando una strategia pubblicitaria sempre più popolare. Se non avete ben chiaro di cosa si tratta, vi diciamo che è il processo di targettizzazione delle persone che hanno già interagito con il vostro marchio, con l’obiettivo di aumentare i tassi di conversione e migliorare la lead generation. Come vedrete, questo lo rende uno strumento molto prezioso per il successo generale del marketing.

Oggi risponderemo a tutte le vostre domande sul remarketing e, naturalmente, discuteremo alcune delle strategie che potete utilizzare nelle vostre campagne di marketing. Condivideremo anche una guida rapida per aiutarvi a lanciare le vostre campagne di remarketing attraverso Google Ads.

Il remarketing è una strategia di marketing digitale che si concentra sugli utenti che hanno già mostrato interesse per il vostro marchio; ciò può avvenire sotto forma di una visita al vostro sito web, di un clic su uno dei vostri annunci, di una ricerca su Google, di un ordine non elaborato o di avervi seguito sui social network.

Poiché c’è un’attività di outreach, si può pensare al remarketing come a un follow-up con un potenziale lead.

L’obiettivo è ricordare alle persone il vostro marchio, riaccendere il loro interesse con un incentivo, coinvolgerle e, si spera, incoraggiarle a fare un acquisto.

Sapete cos'è il remarketing? Qui vi diciamo TUTTO

Esistono diversi canali attraverso i quali è possibile fare remarketing: Google, Facebook, Instagram, Gmail o in generale e-mail, Whatsapp, Telegram e SMS.

Prima di esaminare i diversi tipi di strategie di remarketing che potete implementare nelle vostre campagne, è importante fare una distinzione tra due termini che vengono spesso confusi: remarketing e retargeting.

La distinzione era più chiara in passato, poiché entrambe le tattiche esistevano in silos: il remarketing era limitato alle e-mail, mentre il retargeting era più legato alla pubblicità a pagamento.

Tuttavia, entrambi gli strumenti si sono evoluti al punto da essere utilizzati in modo intercambiabile. Ciò è dovuto principalmente al fatto che l’e-mail non esiste più come un silo di informazioni separato dal lato dei media a pagamento.

In poche parole, la distinzione principale si riduce alla strategia e all’approccio. Il retargeting riguarda principalmente gli annunci a pagamento. Si tratta di utilizzare le informazioni per migliorare la strategia degli annunci a pagamento in modo che si rivolgano alle persone giuste. L’obiettivo finale del retargeting è attrarre nuovi clienti.

IlRemarketing, invece, si concentra maggiormente sulle informazioni raccolte dai visitatori precedenti. Si tratta di raggiungere coloro che hanno già avuto interazioni con voi, ma in modo più personalizzato. L’obiettivo finale del remarketing è quello di coinvolgere nuovamente i clienti attuali o passati.

Tipi di remarketing

Hay varias modalidades de remarketing, no temas probar y encontrar la que mejor te funcione
Esistono diversi tipi di remarketing, quindi non abbiate paura di provare e trovare quello che funziona meglio per voi

Esiste una serie di tattiche che possono essere utilizzate come parte della vostra strategia di remarketing. Questi sono alcuni dei tipi più comuni, anche se è consigliabile testarli per scoprire quale strategia funziona meglio con il proprio pubblico.

Remarketing su display

È forse il tipo di remarketing più comune. Il remarketing display prevede l’utilizzo di annunci display per raggiungere gli utenti che hanno precedentemente visitato il vostro sito. L’obiettivo è utilizzare le informazioni raccolte attraverso i cookie per indirizzare il traffico verso il vostro sito e poi indirizzarlo con gli annunci.

Remarketing di ricerca

Utilizza le informazioni di tracciamento raccolte dalle ricerche di Google per indirizzare il traffico che ha mostrato interesse per il vostro marchio. Ma invece di indirizzarlo con un annuncio display, si utilizza la pubblicità a pagamento sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Remarketing via e-mail

Il remarketing via e-mail è la forma più tradizionale di remarketing. Consiste nell’invio di e-mail promozionali agli utenti che si sono iscritti al vostro sito web o alla vostra newsletter. Potete utilizzare questa strategia per contattare gli utenti che hanno abbandonato un carrello sul vostro sito o per suggerire prodotti aggiuntivi ai clienti esistenti.

Cuando haces remarketing en las principales plataformas como Google, Youtube y Facebook puedes llegar a grandes audiencias
Quando fate remarketing sulle principali piattaforme come Google, YouTube e Facebook, potete raggiungere un vasto pubblico

Remarketing degli annunci di Google

Google non è l’unica azienda che fa remarketing. Tuttavia, è una delle più efficaci perché la sua portata è più ampia, è più personalizzabile e si possono monitorare le prestazioni degli annunci con Google Analytics. Ecco cosa dovete fare.

Remarketing video

Per i contenuti YouTube della vostra azienda, potete promuovere i vostri prodotti e servizi con annunci aggiuntivi inviati a chi ha visitato il vostro canale o si è iscritto.

Remarketing con pixel

Con il pixel remarketing è possibile mostrare un annuncio grafico alle persone che hanno visitato il vostro sito in precedenza. Un annuncio grafico è un poster, un banner o un volantino che si può vedere su un sito web e che può guidare il comportamento degli utenti, ad esempio:

  • Nulla aggiunto al carrello: se qualcuno non ha inserito nulla nel carrello, è possibile mostrargli un articolo che potrebbe interessargli.
  • Articolo aggiunto al carrello: se qualcuno ha inserito un prodotto nel carrello ma non l’ha acquistato, potreste offrirgli uno sconto del 20% sui vostri annunci.
  • Articolo acquistato: se qualcuno ha acquistato un prodotto, potreste promuovere altri prodotti correlati.

La familiarità del consumatore con la vostra azienda fa la differenza nel modo in cui reagisce alla vostra pubblicità

Crear una lista de remarketing es una de las estrategias para una campaña efectiva
La creazione di una lista di remarketing è una delle strategie per una campagna efficace

Selezionare il tipo di campagna di remarketing

Il primo passo è chiarire il vostro obiettivo di remarketing. Volete generare lead da persone che non hanno eseguito una determinata azione sul vostro sito? Oppure volete promuovere contenuti specifici o pagine non visitate del vostro sito?

Creare un elenco di remarketing

Il passo successivo consiste nel definire l’elenco di remarketing, cioè nel sapere chi è il vostro pubblico. Ad esempio, si può creare un elenco basato su tutti gli utenti che hanno visitato una pagina specifica nell’ultimo mese. Oppure gli utenti che hanno aggiunto articoli al carrello ma non hanno completato l’ordine.

È possibile creare l’elenco in Google Analytics nel modo seguente:

  • Andate nella sezione “amministrazione” e cliccate su “definizioni del pubblico”
  • Cliccate su “pubblico” e poi su “nuovo pubblico”
  • Specificate il tipo di remarketing a cui volete aderire.
  • Configurare il codice di remarketing per creare l’elenco.
  • Configurare il codice di remarketing

Un codice di remarketing vi aiuta a impostare il vostro elenco di marketing e viene generato automaticamente attraverso il vostro account Google Analytics:

Andate in Amministrazione > Informazioni sul monitoraggio > Raccolta dati. Attivate il pulsante di remarketing.

È ora possibile impostare elenchi di remarketing in base agli obiettivi, anziché alle sole pagine visitate.

Scegliere la durata dell’iscrizione e la frequenza dei tappi

Il prossimo passo importante è scegliere per quanto tempo si desidera memorizzare un cookie nel browser di un utente. Questo dipenderà dai vostri obiettivi. Dovreste anche limitare la frequenza dei vostri annunci. Questa funzione si trova nella pagina “Impostazioni” di una campagna specifica.

Si tratta di un aspetto importante, perché se un annuncio viene pubblicato troppo a lungo o troppo spesso, si corre il rischio di infastidire i potenziali clienti e di allontanarli dal proprio marchio. Meno è meglio.

Attivare la campagna

Una volta eseguite tutte le operazioni di cui sopra, siete pronti a lanciare la vostra campagna di remarketing e a rivolgervi a un pubblico specifico. Assicuratevi di eseguire test A/B per ottimizzare la vostra campagna.

El remarketing es útil en una época en la que la atención al cliente es limitada
Il remarketing è utile in un periodo in cui l’attenzione dei clienti è limitata
  • Aumenta il coinvolgimento e la portata: potete seguire i potenziali utenti da una piattaforma all’altra e promuovere il vostro marchio di conseguenza. Potete anche raggiungere un maggior numero di potenziali clienti che hanno mostrato interesse per il vostro sito. Questo vi aiuterà a rimanere coinvolti con il vostro pubblico di riferimento.
  • Migliore consapevolezza del marchio: potete rimanere freschi e presenti nella mente dei clienti potenziali ed esistenti monitorando regolarmente gli incentivi, rendendola una tecnica economicamente vantaggiosa per rimanere in contatto con il vostro pubblico, migliorando la pertinenza dei vostri annunci e la capacità di indirizzare strategicamente gli utenti giusti per aumentare la consapevolezza del marchio e le vendite complessive.
  • Tassi di conversione più elevati: più volte mostrate a un utente il vostro sito web, più è probabile che effettui un acquisto, soprattutto se personalizzate i vostri sforzi di remarketing. È possibile indirizzare utenti con interessi diversi in momenti diversi del processo di acquisto. Se fatto in modo efficace, può avere un impatto positivo sui tassi di conversione e aumentare il ROI dei vostri annunci.

Il Remarketing è utile in un periodo in cui il servizio clienti è limitato. I consumatori possono voler rivedere le loro decisioni di acquisto in un secondo momento e il remarketing permette loro di farlo. Pertanto, il remarketing è uno strumento accessibile anche alle piccole imprese, per le quali ogni vendita online è importante.

El remarketing puede y se debe aplicar en varios canales para mejorar la tasa de conversión, y por ende, el éxito de la campaña
Il remarketing può e deve essere applicato a diversi canali per migliorare il tasso di conversione e quindi il successo della campagna

1. Segmentare e indirizzare i gruppi più numerosi.

Anche se i visitatori possono avere un interesse generale per la vostra vasta gamma di prodotti e servizi, molti visiteranno il sito con in mente solo uno o due articoli.

Non date per scontato che, poiché qualcuno ha mostrato interesse per un prodotto specifico, sarà interessato anche ad altri. Concentratevi sui tipi di prodotti per i quali il visitatore ha mostrato interesse.

Per restringere il target di clienti probabilmente interessati a un prodotto o servizio, è utile segmentare i clienti in base all’interesse per il prodotto, ai dati demografici, alla geografia e ad altri fattori. La segmentazione dei clienti funziona meglio con il remarketing quando si affrontano e si soddisfano le esigenze e i desideri immediati dei clienti.

2. Mescolate i canali di remarketing.

La maggior parte delle aziende sceglie un canale specifico per le proprie campagne di remarketing, come gli annunci display, i banner pubblicitari e gli annunci Facebook o video, ma a dire il vero i consumatori non frequentano un solo canale

Come per qualsiasi altra attività di marketing, è essenziale raggiungere i consumatori dove si trovano. Ciò significa diffondere le campagne su più canali, compresi (e forse soprattutto) i dispositivi mobili.

3. Non abbiate paura di provare e fallire.

Non esiste una linea retta per il successo. Il modo in cui inizialmente pensavate al vostro prodotto e il modo in cui le persone lo utilizzano cambieranno di giorno in giorno. La chiave è “fallire velocemente”, cioè imparare a individuare ciò che ha funzionato e ciò che non ha funzionato, e continuare a migliorare il prodotto e il modello di business.

4. Sfruttate al massimo ciò che avete.

Gli indirizzi e-mail diretti dei clienti esistenti e degli iscritti alla newsletter (che possono o meno aver effettuato un acquisto) sono di grande valore. È una buona idea segmentare le liste esistenti per interesse del prodotto e per acquirenti ripetuti e irregolari, per ottenere il massimo ritorno possibile.

Assicuratevi di inviare e-mail frequentemente e attraverso le piattaforme più affidabili e valide

Ti consigliamo di leggere: Le 7P del marketing e come utilizzarle

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *