Vai al contenuto

Come identificare la pubblicità subliminale

Las marcas mas importantes del mercado han usado publicidad subliminal

Probabilmente avete visto molte pubblicità subliminali senza rendervene conto. C’è tutta una serie di pubblicità che non capisci perché ti attraggono, ma ti piace guardarle e a volte cerchi di decifrarle

Qui vi raccontiamo tutto sulla pubblicità subliminale, da come funziona, a un po’ di storia e ad alcuni esempi che probabilmente vi piaceranno e che probabilmente avrete visto. Restate fino alla fine!

Per pubblicità subliminale si intende qualsiasi materiale audiovisivo che incita al consumo di un prodotto, ma che non viene percepito consapevolmente dallo spettatore. A meno che, ovviamente, non si entri più nel dettaglio.

Si dice infatti che il cervello non sia in grado di percepire coscientemente immagini la cui successione è di 14 immagini al secondo. Tuttavia, le immagini possono rimanere nel subconscio e influenzare il comportamento dei consumatori.

A volte le immagini non sono le uniche a entrare nel subconscio, spesso sono anche la musica e gli effetti che accompagnano uno spot

Ci si accorge di essere di fronte a una pubblicità subliminale perché si è curiosi di conoscere il prodotto: cos’è, come funziona, come si compra, di cosa è fatto e altre informazioni.

Secondo gli studiosi di pubblicità, un gran numero di cartelloni o di spot contengono messaggi subliminali che stimolano il cervello a coprire una certa intensità, a provare una certa sensazione o a consumare un certo tipo di prodotto. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che un gran numero di materiali pubblicitari contiene messaggi impliciti relativi al sesso e alla morte.

Las bebidas alcohólicas suelen ser expertas en usar publicidad subliminal, especialmente, haciendo referencia al cuerpo femenino
Le bevande alcoliche sono spesso abili nell’utilizzare la pubblicità subliminale, soprattutto in riferimento al corpo femminile

Fin dagli albori della pubblicità, i messaggi impliciti venivano già utilizzati, ma è stato solo nel 1957 che il controverso pubblicitario americano James Vicary ha iniziato a condurre ricerche ed esperimenti per verificare se la pubblicità subliminale funzionasse.

La Coca Cola è stata l’azienda che ha permesso gran parte degli esperimenti di Vicary, che ha intervallato le immagini del marchio con i popcorn. Entrambi i prodotti sono stati mostrati in absentia a tutta velocità, utilizzando le frasi “Drink Coca Cola” e “Eat Popcorn”, ha spiegato Vicary durante una conferenza stampa il 12 settembre 1927.

Le lettere passavano così velocemente che era difficile leggerle, ma comunque i numeri di entrambi i prodotti aumentarono, e forse da allora molte persone, di generazione in generazione, hanno approvato il matrimonio tra i due sapori… Era certamente un’attrattiva a cui nessuno ha resistito… La manipolazione pubblicitaria esiste davvero!

E a proposito di pubblicità subliminale e Coca Cola… Si dice che la bottiglia di Coca Cola abbia un design subliminale e si sostiene che assomigli alla silhouette di una donna. Anche se i suoi creatori hanno affermato per anni che si tratta di un design ergonomico solo per quando la bottiglia è bagnata.

 Coca Cola se ha convertido en un referente en lo que se refiere a publicidad subliminal y no subliminal
La Coca Cola è diventata un punto di riferimento per quanto riguarda la pubblicità subliminale e non subliminale

Molti sostengono che Vicary non abbia scoperto la pubblicità subliminale, che esisteva già da molto tempo, ma che si sia preso la responsabilità di formalizzare lo studio della pubblicità subliminale e di spiegarne il funzionamento, cosa che fino ad allora era nota solo ai pubblicitari e ai grandi marchi.

Ogni spot è stato creato per uno scopo specifico, quindi tutti utilizzano strategie diverse. Qui vi raccontiamo i modi in cui le grandi aziende riescono a vendervi i loro prodotti e servizi con la pubblicità subliminale

  • Trasmissioni ad alta frequenza: tra i tipi di pubblicità subliminale, questo è uno dei più controversi. Si verifica quando le immagini o i suoni vengono incorporati ad alta velocità. Si tratta di una risorsa molto popolare non solo negli spot pubblicitari, nelle serie o nei film
  • Illusioni visive: quando si utilizza questa modalità, si gioca con le linee, le forme e gli spazi delle immagini, in modo che ricordino qualcosa di completamente diverso. In questa sezione possono essere incluse le pareidolie visive… in quanto associate a figure sensuali o semplicemente a forme, con un altro messaggio complementare.
  • Alta intensità di luci e suoni: questa risorsa viene utilizzata per dare maggiore risalto a qualche elemento o prodotto.
  • Immagini con doppio significato: si tratta di immagini create con uno scopo, ma alle quali si può dare un’altra lettura.
Cuando se habla de publicidad subliminal, esta imagen de kétchup es un clásico por los colores y el uso del doble sentido
Quando si parla di pubblicità subliminale, questa immagine del ketchup è un classico per via dei colori e dell’uso del doppio senso
  • Ambientazione con luci e suoni: in questo caso si crea un’atmosfera per generare determinati tipi di emozioni o sensazioni attraverso luci e/o suoni.
  • Immagini camuffate: sono immagini il cui significato è implicito in un’altra immagine. In generale, questo è il caso di manifesti e spot pubblicitari con connotazioni sessuali
  • Psicologia del colore: si ritiene che i grandi franchising di fast food utilizzino i colori rosso, giallo y blu colori vivaci per creare un effetto stimolante sul consumatore, sia in termini di urgenza di acquistare il prodotto che di fame. A un certo punto della ricerca sulla psicologia del colore, si dice anche che questi colori così brillanti e aggressivi creano la sensazione di mangiare velocemente e di andare via. In generale, la psicologia di ciascun colore può avere un effetto sul consumatore, in quanto portatore di un significato.

“La pubblicità è quella che vende il prodotto senza attirare l’attenzione su di sé. La pubblicità deve essere intelligente e d’impatto, ma non eccessiva. Vi sarà capitato di vedere molte pubblicità che hanno cambiato la vostra percezione di un marchio senza che ve ne accorgeste.
perché? Perché il messaggio è subliminale

David Ogilvy, il riconosciuto “padre della pubblicità moderna”
  • FedEx: il logo di questa società di logistica è un esempio di pareidolia visiva. Nel nome è possibile vedere una freccia tra le lettere E e X, che rafforza il messaggio del marchio sulla velocità delle consegne. È anche un chiaro riferimento all’efficienza, alla precisione e alla velocità, ovvero ai valori del marchio.
Logo de Fedex
  • Pepsi: Si tratta di uno spot creato per Halloween che utilizza immagini a doppio senso e prese in giro, diventando così buono da far pensare allo spettatore quanto sarebbe terribile essere ingannati da una Coca Cola. La concorrenza ha risposto con lo stesso annuncio, ma cambiando il testo in “Tutti vogliono essere eroi”: una strategia grandiosa e inaspettata!
Campaña Pepsi vs Coca Cola
  • Amazon: Questo è un classico, perché gioca perfettamente con la pareidolia visiva. Il sorriso di Amazon riflette la felicità dei suoi utenti, che sulla sua piattaforma possono trovare tutto ciò che desiderano… cercando dalla A alla Z. Non ci sono difetti in questa logica e siamo tutti d’accordo!
Logo de Amazon
  • Milky Way: Un pisolino e un dolce sonno è ciò che trasmette questa campagna di cioccolatini ripieni di Milky Way… Un’esperienza rilassante!
Cartel de Milky Way
  • Nescafé: l’uso di un oggetto di uso quotidiano come staffetta rispecchia lo slogan del claim del marchio “Svegliati alla vita”. Se a questo si aggiunge il colore rosso che Nescafé utilizza sempre e una tazzina di caffè, il gioco visivo è completo… c’è vitalità dappertutto, proprio quello che il marchio vuole comunicare: invitare i consumatori a svegliarsi e iniziare la giornata con una tazza di caffè.
Cartel de Nescafé

Alcuni psicologi hanno approfondito l’argomento, scoprendo che, se progettato in modo strategico e ben elaborato, può funzionare. Un team dell’Università di Utretch ha concluso che la pubblicità subliminale funziona meglio quando le persone hanno familiarità con il marchio, in quanto hanno già una concezione del marchio e sono più aperte a riceverla.

Un altro studio, condotto dall’University College di Londra, ha approfondito l’argomento, indicando che quando il consumatore si trova di fronte a una pubblicità subliminale negativa, si genera un impatto maggiore nel subconscio, in quanto il cervello è predisposto all’allerta e reagisce a qualsiasi stimolo, rendendolo vulnerabile alla pubblicità subliminale.

Nel corso della storia della pubblicità subliminale, si ritiene che essa plasmi il comportamento dei consumatori e, sebbene influisca certamente sull’attrattiva di uno spot, non tutti i consumatori sono in grado di comprenderla… può attirare la loro attenzione, ma spesso dipende dalla predisposizione di ciascun individuo, oltre che da fattori culturali, sesso, età, geolocalizzazione, tra gli altri aspetti.

Il segreto della pubblicità sta proprio nel generare una diversità di reazioni, indipendentemente dal significato che ciascuno le attribuisce; in fondo l’obiettivo è quello di attrarre e infine convertire i consumatori in acquirenti, non necessariamente di ingannarli come si credeva un tempo.

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *